Rock My Wedding – il tuo matrimonio a modo tuo

E’ arrivata la Primavera! Finalmente è nell’aria e nei colori e con essa si apre la stagione preferita per i matrimoni.

Io ho ampiamente anticipato questa voglia di primavera e di romantiche feste all’aperto acquistando un bel libro i primi di febbraio, fresco, fresco di stampa. E da allora l’ho centellinato, perdendomi nelle sue belle immagini di fiori, abiti, decorazioni e location da sogno e anelando alla Primavera come non mai. Sarà colpa degli ultimi due mesi trascorsi quasi in cattività, lavorando tanto e sotto pressione. Meno male che la notte a letto, prima di addormentarmi, potevo tranquillizzarmi sfogliando e leggendo queste pagine.

Io ve lo consiglio vivamente. Si tratta di “Rock My Wedding: Your Day Your Way”, di Charlotte O’Shea, fondatrice del brand “Rock My Wedding”, uno dei brand più influenti dell’industria matrimoniale nel Regno Unito.

libro_rock my wedding

Si dice che il giorno del proprio matrimonio sia un giorno indimenticabile. Io non posso confermare né smentire poiché non mi sono mai sposata, ma è indubbio che sia un giorno davvero speciale. Ognuno lo sogna e lo immagina a proprio gusto e quando arriva il momento si sfogliano centinaia di pagine di riviste patinate, pagine web, si chiedono consigli, ci si affida a professionisti o ci si incaponisce a fare da sé. Tutti i futuri sposi sono in cerca di ispirazione e di sogni ed è proprio quello che “Rock My Wedding” fornisce: consigli e ispirazione, e poco male se si rivolge principalmente ad un pubblico britannico suggerendo centinaia di decine di fornitori e location. Questo accade solo nelle ultime 4 pagine, prima dei crediti. Le oltre 200 pagine che compongono il libro propongono a tutti ispirazione, idee e consigli su ogni aspetto che coinvolge l’organizzazione di un matrimonio: dal vestito alla location alla musica passando per i fiori e le decorazioni della cerimonia e del ricevimento. Ci sono trucchi per contenere il budget, le domande giuste da fare ai fornitori e tanti altri suggerimenti utili.

Qui ci sono tutti i dettagli utili per rendere il lui e la lei più consapevoli e aiutarli ad organizzare un matrimonio davvero a “modo loro”.

Ovviamente, la parte che è piaciuta di più a noi di Partytude è la sezione dedicata al décor. Si va alla scoperta del nostro proprio stile, si parla di paper goods, dunque di inviti, menu, save the date, libretto della cerimonia ecc, si illustrano varie idee di decorazioni e l’uso di decorazioni alternative ai fiori come la frutta, i nastri, i palloncini, i pom pom e lanterne di carta e le luci. Si spazia degli spazi esterni a quelli interni, dalla segnaletica, ai tavoli al tableau.

rock my wedding_decor

rock my wedding_dettaglio

L’autrice si sofferma anche sull’Interactive décor, cioè sull’allestimento creativo delle aree “sociali” come i photo walls dove raccontare la storia della coppia attraverso una rassegna fotografica degli anni trascorsi insieme o i photo booth, dove gli ospiti possono scattare foto ricordo, o le postazioni food and drink che assicurano agli ospiti di essere coccolati in ogni momento dell’evento.

libro rock my wedding

E a proposito di cibo, nel libro non mancano spunti riguardanti il dessert e il wedding breakfast, la prima colazione da sposati.

rock_my_wedding

Il libro è consigliato a tutte: per chi si sposa e cerca ispirazione, per le wedding planner che si tengono sempre aggiornate, per chi organizza eventi di professione perché un matrimonio è sempre la Festa per eccellenza, per chi è appassionato di fotografia, dei bei libri illustrati che fanno sognare, per quelli che si sono organizzati il proprio matrimonio da sé e amano ricordare quel giorno, per chi ha voglia di colori, fiori e di una Primavera che tarda ancora a sbocciare del tutto, per chi non si è sposato e forse mai lo farà, per tanti motivi diversi, ma ama sognare, per chi sogna quel giorno per quanto ancora lontano, per chi il lieto fine e il “e vissero felici e contenti” è l’obbiettivo da raggiungere ad ogni costo.

Per saperne un po’ di più andate su Amazon e leggete l’estratto.

Buon inizio di settimana!