Il perfetto party planner – 2/ la scelta del tema

Vi stiamo insegnando a diventare dei perfetti party planner! Nel post precedente abbiamo introdotto l’argomento e abbiamo iniziato a vedere come stilare un progetto prima di rendersi operativi e quali sono le domande inziali da porsi.

Oggi vediamo come scegliere il tema o lo stile che vogliamo dare al nostro evento e al suo menù.

Io inizio sempre partendo da una mood board. Se la festa non deve avere un tema preciso ma solo un’atmosfera o un concept, cerco e colleziono immagini non necessariamente legati alla festa ma al gusto che ho in mente. E’ un processo che deve necessariamente essere lungo; l’idea deve nascere e crescere poco alla volta, fino a trovare gli elementi unificanti attraverso cui definire il concept.

La cosa più romantica e, allo stesso tempo, “reale” è quella di dotarsi di una lavagna a sughero su cui incollare di volta in volta le immagini che ci colpiscono: pubblicità, foto, cartoline, etichette o packaging, frasi, ecc. Ma nell’era di Pinterest e dei tablet, riconosco che la cosa più facile è creare una board (o bacheche virtuale) su Pinterest. Sul profilo Pinterest di Partytude trovate tante bacheche tematiche con idee che abbiamo accantonato o realizzato nel corso degli anni. Potrebbero aiutarvi.

Pinterest Partyude

Quando ho ben chiaro il tema di una festa che devo realizzare, la mia mood board si trasforma in una theme board, in cui le immagini contenute sono ora decisamente legate alla festa. Lì dentro pinno non solo le atmosfere, ma idee fai da te da rielaborare, ricette da riprodurre, indirizzi di negozi da contattare, font da utilizzare per inviti e grafiche, palette colore e ogni altra informazione interessante trovata online. Per tutto ciò che non è online, rimane sulla cara vecchia lavagna di sughero.

E a proposito di palette colore, la scelta del o dei colori di fondo è importantissima, così come è importantissimo definirlo/i a questo stadio, poiché sono gli abbinamenti di colore che creano l’atmosfera o il concept. A volte, però, sono il kit di base che li definisce, specie nelle feste dei bambini (al di là del classico rosa e dell’azzurro di un baby shower o di un primo compleanno o di un battesimo, certi coordinati feste per bambini sono talmente belli che dettano loro il colore e tutta l’atmosfera della festa) oppure è il tema in sé: ad esempio, un tema nautico non può prescindere dalle righe blu e rosse così come una festa Tiffany non può non essere color “verde Tiffany”. E ancora, una festa circo esprime meglio la sua atmosfera con il bianco e il rosso, mentre il supereroe iconico è rosso e blu e la festa arcobaleno, beh, quella, per forza di cose, deve avere tutti e 6 i colori dell’arcobaleno: rosso, arancione, giallo, verde, blu e violetto.

Spesso, però, l’abbinamento dei colori segue un trend, una moda. Un paio di anni fa sembrava non si potesse fare a meno del mint (verde menta) o del tangerine (una tonalità di arancione scuro), ora invece vanno tanto gli abbinamenti rosa-nero, giallo-grigio, lilla-grigio, rosso-azzurro, solo per citarne alcuni. Divertitevi ad accostare i colori, anche se sulle prime vi sembrano accostamenti azzardati. Osate! E siate sicure al 100% delle palette scelte perché quell’abbinamento di colori accompagnerà tutto il concept della vostra festa, dagli inviti alle bustine per i regalini passando per le tovaglie, i piatti i bicchieri, i tovaglioli…

Anche la scelta del menù segue quella del tema. Una festa di Halloween non può avere un buffet da circo e quindi riempite il menù di wurstel imbalsamati come mummie, biscotti a forma di dita di strega, zucca, bevande rosso sangue ecc; una festa Frozen sarà invece un tripudio di pasta da zucchero bianca e azzurra come la neve e il giaccio e via discorrendo.

Questa, come avrete capito, è la fase più creativa, dove i desideri iniziano a prendere forma e vita. Prendetevi tutto il tempo che vi serve, provate ad immaginare la festa che vorreste per voi o per i vostri cari. Noi ci rivediamo la settimana prossima.