Le feste dei maschietti: dinosauri

Ogni anno, appena archiviate le feste natalizie, a casa mia si inizia a pensare al tema della festa del piccoletto e all’organizzazione della stessa. Non solo il tema, quindi, ma anche a reperire il materiale, farsi venire qualche idea per rendere la festa allegra e divertente (pure per temi apparentemente più difficili, come vedremo in seguito), il buffet, la torta, gli inviti, i sacchettini regalo per gli invitati e la lista non si esaurisce qui.

Il piccoletto di casa, per l’appunto, è un maschio, quindi c’è poco da farsi venire in mente idee leziose o eleganti. Il tema l’abbiamo sempre scelto assieme, io e lui, in base alle sue passioni del momento. E sono quelle che dettano legge, non il mio gusto. Quello lo posso mettere (anzi, bisogna necessariamente metterlo) al servizio del tema, ma è un’operazione successiva.

Certo, non quando ha compiuto 1 anno o 2 anni, ma dal terzo compleanno in poi, il cucciolo ha sempre contribuito a dire la sua e, di fatto, a scegliere il tema. Poi io ho provveduto a dare esecuzione al  suo desiderio cercando di soddisfare pienamente le sue aspettative. E oggi, alla soglia del quinto compleanno, ci troviamo testa contro testa chini sull’ipad a navigare a caccia di idee, immagini e a crearci la nostra inspiration board.  Assieme.

Lui tiene moltissimo alla sua festa e al rito della scelta e, secondo me, tempo un paio d’anni, se la organizzerà tutto da solo! Intanto osserva con molta attenzione e impara. La creatività, l’indipendenza e la capacità decisionale, secondo me, si imparano pure così.

Come dicevo, è un maschietto. La festa deve piacere a lui prima che a me, quindi, tolta la festa del primo compleanno, tutta incentrata sull’1, il blu e l’azzurro perché potevo fare come mi pareva, quelle successive hanno avuto come obiettivo principale quello di stupirlo, farlo divertire, incentrare tutta la festa su un tema di sua scelta. E alla fine, vedere la sua espressione ad idea realizzata, il giorno della festa, non ha davvero prezzo.  Pure se i temi scelti, di anno in anno, a partire dal secondo, sono stati, nell’ordine: dinosauri, mostri, zombi contro piante e, quest’anno (e come ti sbagli?), i supereroi, come quasi tutti i suoi coetanei.

Perché è proprio questo il punto:  i bambini condividono idee e passioni e sono – volenti o nolenti – condizionati dalla televisione e dalle mode o dai cartoni animati del momento, dai giocattoli e anche dai videogiochi. Questo è tutto il mondo che conoscono e nel quale si riconoscono. E allora perché non assecondarli, per quanto possiamo inizialmente inorridire di fronte ad una scelta come gli zombi o i mostri? Tanto alla loro età le passioni cambiano, ma i ricordi rimangono, e per mio figlio, le feste dei suoi compleanni sono sempre tra i ricordi più emozionanti e vividi. Quello è il loro giorno e come tale deve essere trattato, dall’inizio alla fine.

E sapete una cosa? Alla fine non sono mi sono divertita ad accettare la sfida di rendere divertenti mostri o zombi  e poi le cose più difficili risultano sempre quelle più soddisfacenti alla fine, giusto? E meno male che in quanto cofondatrice di Partytu.de il mondo delle feste a livello internazionale per me non ha segreti! So sempre dove andare a cercare un elemento che ho in mente e che fa la differenza, o un set festa particolare, anche se a volte devo andare a prendermelo dall’altra parte del mondo e spendo anche di dogana. E per inciso questo è anche il motivo perchè esiste Partytu.de, ma questa è un’altra storia.

E allora, pensando a tutte le mamme di maschietti, e alla soglia del quinto compleanno in piena fase organizzativa, abbiamo pensato di riproporvi queste quattro feste in quattro post diversi con l’intento di: 1) ispirarvi, 2) divertirvi, 3) infondervi coraggio se anche voi siete alle prese con temi apparentemente poco allettanti e 4) dimostrarvi che la creatività vi può raggiungere ed ispirare anche in questi frangenti e che certe linee di accessori per feste come quelle che vi proporremo in questa serie di quattro post, rendono certi compleanni davvero speciali, e spesso ti salvano proprio la festa!

Continue reading